mercoledì 29 settembre 2010

Grand Prix

Principato di Monaco: il Gran Premio. Un insieme di motori, colori, allori e tanto rumore invade il principato. Tre giorni di folla e di follia: le prove, le qualifiche, la corsa.
Ricordo che la domenica mattina, quando scendevo a piedi le vie di Montecarlo in direzione del circuito, il rumore dei motori delle auto durante le prove libere mi faceva letteralmente "vibrare" lo stomaco dentro la pancia. Una volta sulla terrazza che sovrasta i box non ci si poteva nemmeno parlare e nonostante le cuffie non si sentiva altro che rumore e vibrazioni.
Poi l'attesa della gara, il giro tra le auto e i piloti: c'era ancora Michele Alboreto e c'era ancora Stefano Casiraghi in visita ai box con il cognato il principe Alberto.
Poi la gara: 1° classificato Ayrton Senna su Lotus-Honda; 2° Nelson Piquet, su Williams-Honda; 3° Michele Alboreto su Ferrari; 4° Gerhard Berger, su Ferrari; 5° Jonathan Palmer, su Tyrrell-Cosworth; 6° Ivan Capelli, su March-Cosworth.
A fine corsa, come ogni anno, la folla invade la pista e lentamente se ne va.
Era il 31 maggio 1987.
















Nessun commento:

Posta un commento